Squadra mobile di Bari a Fiumicino

0
222

Nei giorni scorsi personale della Squadra Mobile di Bari, del Servizio Centrale Operativo, dell’INTERPOL e della frontiera aerea di Fiumicino, presso lo scalo aereo, ha eseguito un’a ordinanza di custodia cautelare nei confronti del cittadino georgiano Tugushi Avtandil, detto “Avto” di anni 40.
L’’uomo, sottrattosi alla cattura nell’’ambito dell’operazione “Shodka” conclusasi nel giugno 2013, con l’esecuzione di un provvedimento restrittivo nei confronti di 16 componenti di un’organizzazione criminale transnazionale originaria della Georgia, deve rispondere di associazione per delinquere ed estorsione aggravata, ed e’ stato rintracciato ed arrestato, ai fini estradizionali, il 18 dicembre scorso, da personale dell’INTERPOL e dalla polizia Libanese, a Beirut, dove era stato arrestato in seguito all’estensione in campo internazionale del citato provvedimento restrittivo.
Tugushi, “ladro in legge” e reggente del clan Kutaisi in Bari, la mattina del 6 gennaio 2012 sì trovava in compagnia dì Tchuradze Revaz quando questi fu assassinato. All’’epoca, al’l’interno dell’appartamento che occupava con la vittima, fu rinvenuta una ingente somma di denaro.
A seguito del fatto di sangue abbandonò l’Italia per rifugiarsi in Turchia e far perdere, successivamente, le proprie tracce.
Le attività’ investigative svolte in collaborazione con l’INTERPOL, dal giugno 2013 ad oggi, hanno consentito di trarre in arresto, in Belgio, Portogallo, Lituania e Germania, tutti gli autori dell’omicidio di Tchuradze (4 cittadini georgiani) e di gran parte dei componenti dell’organizzazione sottrattosi alla cattura.

Commenta

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here