Si dimette il Preside che ha “cancellato” il Natale

0
234

Aveva abolito i crocefissi e i canti di Natale, presso l’istituto “Garofani” di Rozzano. L’azione del dirigente scolastico Marco Parma, ha indignato i genitori degli alunni. A cavalcare l’onda delle lamentele anche Matteo Salvini, Forza Italia e Fratelli d’Italia, che hanno raccolto molte adesioni per un presidio di protesta. Intanto, il dirigente scolastico contestato, convocato in Regione, avrebbe rinunciato alla presidenza dell’Istituto Garofani. Le mamme sostengono che la scuola debba ritirare la decisione, in quanto il Natale costituisce non solo simbolo di religiosità, ma anche tradizione.

Commenta
Condividi
Articolo precedenteParigi: corteo non autorizzato, tensione in piazza
Articolo successivoRecord: Emma Morano spegne 116 candeline
Ho 25 anni, giornalista pubblicista, e sono laureata in Scienze della Comunicazione. Ho scelto di studiare e scrivere a Taranto, dove vivo da sempre, nonostante la mia prima luce calabrese. Appassionata di web e informazione, ho intrapreso questo meraviglioso lavoro nel 2013. Ho scritto per il quotidiano Taranto Oggi, Periodico Vivavoce e Sostenitori delle Forze dell'Ordine. Per quest'ultimo ho trattato il caso giudiziario Cucchi con una intervista in esclusiva nazionale al comandante della Stazione Carabinieri di Roma Appia, ripresa successivamente dalle maggiori testate nazionali. Attualmente collaboro con il gruppo PugliaPress, firmando il quotidiano, il settimanale e La Voce del Popolo, storico giornale di Taranto. Ho fondato il blog Tarantini Time, firmo anche il Corriere di Taranto e gestisco il portale Forze Armate News al quale sono legata per le stellette che ho indossato a 19 anni, occupandomi di cronaca e sicurezza. I miei settori di pertinenza sono la cronaca nera, giudiziaria e sindacale. Mi occupo volentieri di politica e di inchieste di vario tipo. Se la gente mi stima e mi vuol bene perché scrivo la verità, ne sono felice. Se invece per questo stesso motivo mi odia, bè... là ho vinto. Per contatti elena.riccita@gmail.com o tramite social network

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here