Netflix – La nuova era dell’intrattenimento?

0
444

 

Da poco meno di un mese la celebre piattaforma on-demand americana è sbarcata in Italia, suscitando entusiasmo, ma anche critiche, tra i numerosi appassionati di film e soprattutto di serie tv che si sono sentiti quasi in dovere di abbonarsi a Netflix, complice anche la decisione di concedere un mese di prova gratuita ai nuovi abbonati.

Per chi non lo sapesse, Netflix è una società che nasce nel 1997 con la semplice idea di “vendere dei prodotti sfruttando Internet”. Dal 2008 offre uno dei migliori servizi di streaming autorizzato attualmente esistenti online ed è diventato un vero e proprio fenomeno di massa, con un bacino di utenti vastissimo, grazie anche alle varie produzioni originali che hanno riscosso successo in tutto il mondo. In Italia, da qualche anno, Sky e Mediaset hanno provato a proporre le proprie piattaforme on-demand, sulla scia dell’azienda americana, per cercare di monopolizzare il mercato d’intrattenimento digitale della penisola ottenendo i diritti di numerosi show d’oltreoceano (tra cui House of cards, serie tv targata Netflix, di cui Sky custodisce gelosamente i diritti).

Netflix Italia, essendo attiva da neanche 30 giorni, non è ancora in grado di offrire lo stesso catalogo della piattaforma americana, online da circa 7 anni, ma ha riscosso ugualmente successo, proponendo quasi tutte le produzioni originali, tanto attese e discusse, come Narcos, la serie tv che racconta la storia di Pablo Escobar, Orange is the new black, serie quasi interamente ambientata in un carcere femminile, Marco Polo, Sense8, serie prodotta e realizzata dai fratelli Wachowski, Beasts of No Nation, il duro film di guerra, applauditissimo all’ultimo Festival di Venezia. Oltre ai titoli più conosciuti, è possibile trovare una vasta gamma di serie tv non prodotte da Netflix, numerosi film, da quelli indipendenti e meno conosciuti ai titoli cult (ovviamente sono assenti le pellicole più recenti), ma anche film d’animazione e documentari di vario genere. Considerando il continuo aggiornamento dei contenuti, le modalità di pagamento e i tre listini prezzi mensili disponibili, a seconda della qualità video e del numero di schermi su cui poter usufruire del servizio (Basic 7,99 €; Standard 8.99 €; Premium 11,99 €), Netflix risulta essere un prodotto qualitativamente ottimo e rappresenta, potenzialmente, il mezzo per sconfiggere la pirateria.

Internet ha inevitabilmente cambiato il mondo dell’intrattenimento. Il timore dei cinefili e degli addetti ai lavori è il possibile abbandono della sala cinematografica, negli ultimi anni sempre più lontana da ciò che rappresentava qualche decennio fa, vale a dire un luogo “sacro” e fondamentale nella fruizione di una pellicola. L’immediatezza del Web e dello streaming, oltre alla convenienza economica (si parla sia dello streaming legale che di quello illegale), permette una selezione personale dei prodotti d’intrattenimento, non si è più “schiavi” delle case di distribuzione o delle tv private, con i loro palinsesti ed i loro orari. Su Internet, l’utente è libero di crearsi il proprio palinsesto, di rispettare solo i propri orari, di scegliere cosa guardare e cosa evitare, condizionato quasi esclusivamente dal proprio guasto personale. Netflix, come le altre piattaforme on-demand, vince regolamentando e “legalizzando” lo streaming, esigendo un prezzo assolutamente accessibile ed offrendo prodotti di qualità. Nonostante tutti questi vantaggi la sala cinematografica non sarà mai abbandonata. Netflix rappresenta la rivoluzione legata al mercato home-video, sempre più basato sui prodotti digitali, ma la sua esistenza è dovuta al cinema, quello vero, quello che si vive in sala, in quel lasso di tempo che va dall’acquisto del biglietto al botteghino e finisce con l’accensione delle luci sui titoli di coda. Il mondo dell’intrattenimento sta cambiando, ma senza il cinema non potrebbe esistere.

 

D.T.

Commenta

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here