Gustoria ad Oria, il successo del palato

0
3346
I vincitori 2017 di Gustoria
Ristorante Fuori Porta
Ristorante Vecchia Oria
Assessore Francesca Mazzotta

Dal 14 al 16 Luglio, con una appendice il 17 luglio a causa della pioggia di domenica, si è svolta ad Oria la prima edizione di Gustoria, l’evento enogastronomico organizzato dalla Events & Promotion di Roma sotto la direzione di Antonio Rubino. Gli chef dei ristoranti Vecchia Oria, Fuori Porta, Corrado, Intra Moenia, Rugantino e Decò si sono sfidati nella preparazione ed offerta degustativa di sei orecchiette. I piatti in gara erano: l’orecchietta alla cilentana presidio slow food, l’Orecchietta sabbiosa, l’orecchietta alla diavola l’orecchietta Zia Lucia con polpette di carne, rucola e ricotta salata, l’orecchietta con salsiccia podolica e primitivo, l’orecchietta al cardoncello e pancetta.

La scelta è stata affidata al pubblico attraverso l’acquisto dei ticket. Tutte le orecchiette hanno avuto grandi consensi da parte del pubblico che si è riversato nella città di Federico II. Tanti infatti i turisti arrivati e molti gli stranieri che hanno potuto visitare il bellissimo centro storico di Oria, per la maggiorparte di loro la prima volta. La manifestazione si è avvalsa anche di intrattenimenti musicali le cui note riecheggiavano tra le mura millenarie della città.

Le orecchiette che hanno avuto più consenso sono state quelle del ristorante Fuori Porta e di Vecchia Oria. Solo due ticket di differenza tra i due che ha fatto decidere l’organizzazione di assegnare due premi ex equo.

Quindi le orecchiette vincenti sono risultate quelle alla Cilentana e quella Sabbiosa.

La manifestazione è stata patrocinata dal Comune di Oria, in particolare dall’assessorato al Turismo.

Grande soddisfazione da parte degli amministratori e delle attività commerciali, in particolare quelle del centro storico che hanno potuto registrare il tutto esaurito nei tre giorni. Il forte temporale di domenica scorsa ha condizionato un finale con i botti, visto la grande affluenza di pubblico che si stava registrando

Antonio Rubino: “Una città bellissima”

“Oria è una città bellissima con delle grosse potenzialità turistiche. Può diventare una delle mete più ricercate, sempre che lo voglia. Bisognerebbe solo riorganizzarla in tal senso, con parcheggi, servizi navetta, segnaletica turistica adeguata e soprattutto una coesione tra maggioranza politica ed opposizione, sembrata soprattutto una divisione tra controllori e controllati. Il benessere derivante dal turismo è di tutti e a vantaggio di tutti, non solo di una parte politica. Mi sono innamorato di un centro storico bellissimo e se il castello diventerà fruibile sarà una città unica, grazie anche alla sua posizione strategica. Il centro storico va preservato dai parcheggi selvaggi e dal transito delle autovetture, soprattutto nei giorni festivi e di maggiore affluenza. Oria ha anche due altre grosse peculiarità: la ristorazione, dove la maggiorparte dei ristoranti ha raggiunto dei livelli straordinari e di alta qualità e la movida. Tanti giovani hanno investito in attività accattivanti ed intelligenti creando degli ambienti che riportano a città europee di primo piano. Piazza Manfredi è un esempio. La nostra manifestazione è stata praticamente a prima a dover sottostare alle nuove circolari in termini di sicurezza. Molti eventi sono saltati. E’ per questo che abbiamo optato, grazie ad una campagna pubblicitaria mirata, ad un target medio alto di visitatori, piuttosto che sulla massa. Oltretutto nelle città limitrofe c’era di tutto, dalle feste patronali a quelle religiose.

Il Sindaco mi ha chiesto di tornare ad Oria. Ci penseremo, sicuramente non lo faremo per un evento estivo, ritengo questo evento possa essere di grande richiamo soprattutto in autunno, a novembre ad esempio, limitandolo solo nel Centro Storico che si dispone. Piazza Lorch, così come è stata pensata e strutturata non può essere per degli eventi, soprattutto se non viene consentito ai mezzi predisposti per gli allestimenti di arrivarci. Pensate ad un concerto di Max Gazzè se alla produzione si chiedesse di portare a mano le strutture, ti manderebbero a quel paese. L’avrei vista meglio come una grande piazza accessibile a tutti. Ma sono solo considerazioni di chi da trent’anni organizza degli eventi e li ha fatti anche in Piazza Colonna a Roma con la Rai (Portici d’Estate) durante gli anni del terrorismo o in Piazza della Signoria a Firenze. Ebbene non abbiamo avuto le stesse problematiche di Piazza Lorch.  Mi preme ringraziare il mio amico Mimmo De Taranto, compagno di viaggio di questa avventura, tutti gli altri ristoratori, il Sindaco di Oria, la sempre presente e disponibile Assessora Francesca Mazzotta e soprattutto il Comandante dei Vigili Urbani Antonio Morelli, al quale va il merito di aver inquadrato nel giusto modo la manifestazione con il conseguente placet della Prefettura di Brindisi. Grazie a tutti i miei nuovi amici di Oria”

 

Commenta

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here