Concertone del Primo maggio a Taranto

0
111

Si terrà a partire dalle 15 al Parco Archeologico delle Mura Greche.

tanti sono gli artisti che hanno accolto l’invito a partecipare a quello che sarà non soltanto un concerto, ma anche un’occasione di riflessione sui temi della salute, del lavoro, dell’ambiente. Alle 9 del mattino infatti si terrà un confronto-dibattito dal titolo “Ambiente e lavoro… Futuro? Ma quale Futuro?”, a cui parteciperanno, tra gli altri, il segretario nazionale della Fiom, Maurizio Landini, il sindaco di Messina, Renato Accorinti e Giuseppe De Marzo di Libera. Hanno già dato la propria adesione associazioni e movimenti in lotta per battaglie civili e sociali come Terra dei Fuochi, No Smog Trieste, No Tav.

L’evento è organizzato dal Comitato Cittadini e Lavoratori Liberi e Pensanti di Taranto, un gruppo di operai e cittadini formatosi a seguito del sequestro degli impianti inquinanti dell’Ilva nel 2012, con la direzione artistica dell’attore Michele Riondino e di Roy Paci. A condurre ci saranno Luca Barbarossa, Andrea Rivera e Valentina Petrini.

“Taranto è l’esempio eclatante del contrasto tra diritto al lavoro e quello alla salute, entrambi lesi. Una festa non risolve le cose, ma il tempo della festa è il tempo del Sacro. Per questo saremo alla festa del primo maggio di Taranto, per aprire un poco questa nube di veleno che ha oscurato la Magna Grecia”, ha scritto in una lettera Vinicio Capossela, tra gli artisti che parteciperanno al concerto.Insieme a lui, il molfettese Caparezza, che aprirà il concerto, Fiorella Mannoia, Afterhours, Paola Turci, Sud Sound System, Tre allegri ragazzi morti, Nobr aino, Après La Classe, Filippo Graziani, Ilaria Graziano & Francesco Forni, Diodato, Fido Guido, Rock in’Roots Band, Idem, Gmac Citylock,Mama Mar jas, Don Ciccio, Rezophonic. Insieme a loro molti gruppi emergenti che hanno deciso di sposare la causa e di prendere parte alla manifestazione: Rabbish Factory, Municipale Balcanica, Non Giovanni, Emanule Barbati, Sud Foundation Crew, Melchiore, Diverso, In Sintesi, Dont’ask Me e Sld.

Commenta

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here