Bierfest.guests

Festa della birra e cibo di strada a Martina Franca

Dal 25 al 28 Settembre nella Villa Comunale di Martina Franca Oltre 100 birre in degustazione e non solo alla Festa della Birra che si svolgerà da Giovedì 25 a Domenica 28 leggi

ebola-nurse-drug-503663

Guarito il primo caso di Ebola in Europa

Il primo caso di persona “guarita” completamente dal virus Ebola. Succede in Gran Bretagna a William Pooley, 29 enne inglese. Il ragazzo è stato dimesso dall’ospedale. Le sue prime dichiarazioni sono state leggi

article pics

Un gruppo Islamico minaccia gli USA dopo l’attacco aereo di Obama nel Nord Iraq

Una guerra psicologica. Almeno si crede questo. Anzi si spera sia solo un tentativo di scatenare la paura collettiva (un male meno peggiore di un vero e proprio attacco).  Poiché a seguito leggi

violenza_minore-300x167

Tra orchi e mostri

Nella contea di Albany dello stato di New York, un uomo e una donna sono stati arrestati per aver tenuto rinchiuso un bimbo di sette anni in una gabbia. La donna è leggi

aereo RAF

Manchester: paura di attacchi terroristici

Sul volo della linea Qatar, partito da Doha (capitale dello Stato del Qatar) e diretto in Inghilterra,  gli assistenti di volo hanno sospettato di un uomo che aveva allarmato tutti dando la leggi

Guarito il primo caso di Ebola in Europa

ebola-nurse-drug-503663

Il primo caso di persona “guarita” completamente dal virus Ebola. Succede in Gran Bretagna a William Pooley, 29 enne inglese. Il ragazzo è stato dimesso dall’ospedale. Le sue prime dichiarazioni sono state “sono stato molto fortunato”. Pooley è stato il primo britannico ad aver contratto la patologia  dopo essere stato in Sierra Leone, considerato da molti epidemiologi come il “paese focolaio” della nuova patologia che sta suscitando preoccupazioni in tutto il mondo.

Il 24 agosto scorso William veniva trasportato d’urgenza presso un’unità speciale al Royal Free Hospital , a nord di Londra dopo un rientro fortunoso dall’Africa Occidentale.

Durante una conferenza stampa, dopo le dimissioni dall’ospedale, William Pooley ha comunque dichiarato che la sua malattia non era arrivata ad punto critico da poter dire di “aver rischiato di morire” e che è stato curato in tempo. “Le cure mediche ricevute nel mio paese”, ha dichiarato, “non possono essere però paragonate a quelle che stanno ricevendo coloro che tuttora si trovano nei focolai e in Africa Occidentale”. Anche se in quei luoghi, tuttora, numerose sono le organizzazioni umanitarie che si stanno occupando degli ammalati, il rischio di epidemie è tuttora rilevante per via delle cure approssimative che vengono fornite.

Un gruppo Islamico minaccia gli USA dopo l’attacco aereo di Obama nel Nord Iraq

article pics

Una guerra psicologica. Almeno si crede questo. Anzi si spera sia solo un tentativo di scatenare la paura collettiva (un male meno peggiore di un vero e proprio attacco).  Poiché a seguito dell’annuncio delle incursioni aeree americane in Nord Iraq (l’annuncio è stato dato dal Presidente Obama qualche giorno fa), su Twitter un gruppo di militanti islamici denominato “ISIS” ha pubblicato immagini cruente di stragi terroristiche che in passato hanno colpito gli Stati Uniti. Nel messaggio su Twitter il gruppo ISIS ha palesemente dichiarato di voler addirittura lanciare macchine bombe verso l’ambasciata americana in Iraq. Infatti i tweets coincidono con il primo attacco aereo americano autorizzato da Obama per proteggere lo staff statunitense lì presente.

Tant’è che gli aerei americani hanno già lanciato cibo e provviste dagli aerei ai 50 mila rifugiati intrappolati sulle montagne irachene. Gli Stati Uniti hanno accusato i gruppi islamici estremisti di aver preso in ostaggio centinaia di donne.

Insomma. Preparativi di guerra. Seri.

(Nella foto: uno dei messaggi su twitter del gruppo denominato “ISIS”)

Tra orchi e mostri

violenza_minore-300x167

Nella contea di Albany dello stato di New York, un uomo e una donna sono stati arrestati per aver tenuto rinchiuso un bimbo di sette anni in una gabbia. La donna è la madre del minore, mentre l’uomo pare sia il convivente. I due avrebbero tenuto il piccolo rinchiuso nella gabbia all’aperto per tre settimane ininterrotte, obbligandolo a mangiare e dormire in quella che è diventata per lui una vera prigione, anche sotto la pioggia. Il bambino è stato tenuto legato a una catena di metallo e a un guinzaglio del tipo di quelli utilizzati per i cani. Le autorità hanno fatto sapere che all’interno del recinto c’erano una brandina, libri, vestiti, dentifricio e spazzolino da denti, e un secchio con dell’acqua. La donna, interrogata dalla polizia, ha cercato di giustificarsi affermando che il figlio è stato rinchiuso nella gabbia poichè era stato cattivo. Mentre il compagno della donna ha aggiunto che il bimbo sembrava divertirsi. Ora il minore ora è stato preso in custodia dai servizi sociali.

In Missouri, una coppia fu accusata nel marzo 2013 di maltrattamenti per aver tenuto rinchiuso il figlio autistico di sei anni in una gabbia rudimentale, e in una condizione disumana: il piccolo era nudo, e nutrito solo con hot dog. Mentre in California, la polizia di Anaheim arrestò all’inizio del mese di luglio 2014 i genitori di un bambino autistico di 11 anni, anche lui imprigionato in una gabbia per animali. I due, a cui è stata tolta immediatamente la custodia del minore, hanno cercato di giustificarsi dicendo che il figlio veniva rinchiuso nella gabbia soltanto quando soffriva di violenti scatti di ira. I due se verranno ritenuti colpevoli di tutte le accuse, tra cui quella di abusi su un minore, rischiano fino a venti anni di carcere.

Manchester: paura di attacchi terroristici

aereo RAF

Sul volo della linea Qatar, partito da Doha (capitale dello Stato del Qatar) e diretto in Inghilterra,  gli assistenti di volo hanno sospettato di un uomo che aveva allarmato tutti dando la falsa notizia di un ordigno presente a bordo.  Gli assistenti hanno comunque mandato un messaggio criptato alla RAF (Royal Air Force, l’aeronautica inglese). Dopo pochi istanti un caccia Typhoon inglese  ha affiancato il  Boeing che, simulando uno scalo a Manchester, ha consentito che le forze dell’ordine arrestassero l’uomo sospettato. Nella foto si nota il caccia inglese che vola di fianco all’aereo. Momenti di panico tra i passeggeri. L’Inghilterra teme ancora gli attentati (si ricordano quelli di Londra nel 2005). La foto è stata scattata da gente a bordo e a terra.

Sogno d’amore in Michigan: lei muore felice

woman-cancer-dies-month-dream-wedding

Succede nel Michigan: una donna, Jennifer Hutcheson si sposa il mese scorso col suo fidanzato storico. Una storia di nove anni culminata col coronamento del loro sogno d’amore. Ma dopo neanche un mese lei muore di cancro diagnosticatole quando aveva 25 anni.

Una lotta contro il cancro e anche contro il tempo. Con l’obiettivo di sposarsi. Sette cicli di chemioterapia, tre cicli di radioterapia, operazioni chirurgiche e il suo ragazzo non l’ha mai lasciata sola. Neanche un giorno.

Jennifer, infatti, incontra Allen Koth nove anni fa, appena ventenne. Dopo cinque anni lei si ammala, ma lui continua a starle accanto. Durante tutta la sua malattia. Dice Allen: “coloro che conoscevano Jennifer erano come fossero contagiati dalla sua energia positiva”. Purtroppo dopo il matrimonio la malattia arriva al suo stadio terminale. Ma dice Allen, suo  marito: “quando m’intristivo, lei stava male per me. Pensava più alla mia sofferenza, nel vederla morire, che non alla sua”.

Il sogno di Jennifer era quello di raggiungere i 30 anni e di sposarsi. Ce l’ha fatta. Purtroppo il destino non è stato del tutto favorevole  Come a dire: amore. Nella buona e nella cattiva sorte.